Era chiaro che la seconda ondata sarebbe arrivata con l’inverno. Perché Berset & Co. si sono fatti trovare così impreparati?

“La Svizzera ha perso il controllo”, dice a ragione l’epidemiologo Christian Althaus. Nel Cantone di Zurigo le capacità di rintracciamento dei contatti sono sufficienti per 100 nuove contagi al giorno. Due settimane fa, tuttavia, si erano già registrati 270 nuovi casi al giorno (nel frattempo la cifra è salita a 500-700 casi al giorno). Secondo il governo federale, sarebbero necessari 40.000 test al giorno, ma la capacità attualmente ne consente solo 15.000. La settimana scorsa, in Svizzera erano ancora disponibili 188 letti per la terapia intensiva (più altri 185 letti improvvisati), con circa 30 ricoveri al giorno. Il personale ospedaliero è già insufficiente in diversi luoghi: la drammatica richiesta di aiuto del Canton Svitto ha preso d’assalto l’intero Paese. Questo è solo l’inizio, perché “la seconda ondata durerà diversi mesi” (Conferenza stampa federale, 20.10.20).

Il Consiglio federale senza un piano

Da giugno i numeri sono raddoppiati ogni mese. Un aumento esponenziale durante la stagione fredda era evidente da mesi ed era all’orizzonte da tempo. Nulla, o almeno troppo poco, è stato fatto per sviluppare le misure necessarie. Alain Berset ha detto recentemente: “La seconda ondata è arrivata, prima del previsto e più forte del previsto”. Sembra quasi che il consigliere federale Berset non si sia accorto che attualmente infuria una pandemia di un milione di morti, né che dopo l’estate arriva l’autunno.

Già in giugno il Consiglio federale parlava di una nuova “normalità” molto prima della fine della pandemia (cioè l’introduzione generalizzata di un vaccino). Sono stati riaperti club, ristoranti, scuole, ecc. Non c’era un vero e proprio piano; la piena responsabilità è stata affidata agli organizzatori. Le persone venivano incoraggiate ad uscire e a consumare di nuovo. I profitti a breve termine dei capitalisti sono ovviamente più importanti di una ragionevole preparazione alla pandemia.

La mancanza di un piano del governo federale è stata inoltre messa in luce dai grandi assembramenti: proprio all’inizio dell’autunno gli assembramenti di massa sono stati nuovamente autorizzati, mentre il numero dei casi cominciava rapidamente ad aumentare. Il Consiglio federale ha giustificato tale rischiosa decisione, affermando che fino ad allora non era successo nulla con le grandi manifestazioni. Questo atto equivale ad attendere ciecamente la catastrofe, quando in realtà questa è già arrivata. Una pandemia con un Consiglio federale del genere è come scendere da un dirupo senza freni.

Consiglio federale ipocrita

Il Consiglio federale è quindi responsabile della seconda ondata e si rivela totalmente incapace di contenerla. Berset, Sommaruga e tutto il loro apparato stanno cercando di distogliere l’attenzione da questa situazione nel modo più ipocrita possibile. Vale a dire dando la colpa alla popolazione in modo maldestro. La consigliera federale Sommaruga sostiene che le norme igieniche vengono ignorate e aggiunge con arroganza: “Non è così complicato!”; Alain Berset, invece, continua a mobilitarsi contro i giovani e dà la colpa ai “partiti”. 

Il Consiglio federale apre prima le discoteche e i bar, allenta le misure e parla di normalità. Per poi, in una fase successiva, rimproverare i giovani per essere andati nelle discoteche. Ebbene meno del 2% di tutti i contagi si verificano nelle discoteche. La maggior parte avvengono sul posto di lavoro, nelle strutture sanitarie e nelle scuole.

Chi paga per le misure efficaci?

Il Consiglio federale si sta sforzando di adottare misure veramente significative, con l’intento di salvare “l’economia”. Il primo contenimento ha innescato la crisi più profonda che il capitalismo svizzero abbia mai vissuto. Un secondo blocco di gran parte della produzione sarebbe un fiasco per i profitti a breve termine dei capitalisti. Il capitalismo è infatti del tutto dipendente dai lavoratori come produttori e consumatori immediati.

Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che un blocco rapido e coerente è preferibile per la ripresa economica. L’estrema miopia del Consiglio federale e dei capitalisti è sconcertante e spaventosa.

Il Consiglio federale agisce nell’interesse degli utili a breve termine dei capitalisti. L’alto numero di malati, di morti, di infermieri e di medici che sono sulla soglia dello sfinimento: tutto questo accade perché il governo opta deliberatamente per profitti a breve termine e contro condizioni di vita salutari per la stragrande maggioranza.

Se Berset & CO si preoccupassero veramente di proteggere i posti di lavoro e la salute, dovrebbero adottare le seguenti misure: espansione massiccia e diffusa delle metodiche di screening, del tracciamento e delle strutture sanitarie; nonché l’istituzione di un nuovo sistema di assistenza sanitaria. Le aziende farmaceutiche dovrebbero essere nazionalizzate in modo che la ricerca di un vaccino non sia esposta alla concorrenza basata sul profitto. Tutta la produzione non essenziale andrebbe sospesa, con la garanzia di mantenere tutti i posti di lavoro allo stesso stipendio. 

Il potere ai lavoratori!

La questione cruciale, naturalmente, è chi dovrebbe pagare per tutto questo. Abbiamo una ricchezza sociale di gran lunga sufficiente per finanziare da soli queste misure sensate. Solo durante la pandemia, le fortune dei 37 miliardari in Svizzera sono aumentate del 29%, ovvero di 124 miliardi. Insieme alle altre 300 persone più ricche della Svizzera, possiedono probabilmente più di 830 miliardi di franchi! 

La lotta seria contro la pandemia è possibile: finanziariamente e tecnologicamente. Affinchè sia possibile, i lavoratori salariati devono prendere il controllo dell’economia e del potere dello Stato. Gli stessi dipendenti devono decidere le misure di apertura, chiusura e protezione sul posto di lavoro. La classe operaia deve decidere cosa fare della sua ricchezza. Poichè, a differenza dei capitalisti, i lavoratori non devono bilanciare i profitti con la salute.

È proprio con questa agenda essenziale che le organizzazioni della classe operaia dovrebbero mobilitarsi. La leadership del PS e dei sindacati deve rompere con la politica pro-capitalista del Consiglio federale. Deve organizzare i dipendenti. Sulla base di questo programma, deve fare il collegamento con le infermiere già in difficoltà e con gli scioperi di Ginevra. Solo così la classe operaia può fare in modo di non essere completamente colpita dalla seconda ondata e dalla crisi economica capitalista.

Print Friendly, PDF & Email