Condanniamo l’attacco dell’esercito russo all’Ucraina e l’atteggiamento cinico delle potenze della NATO. Le vittime della politica a sangue freddo degli stati capitalisti sono i lavoratori, gli oppressi e gli sfruttati dei diversi paesi. Quale posizione dovrebbero prendere i lavoratori e i rivoluzionari svizzeri in questo conflitto? Qual è la posizione dei marxisti?

Nessuna guerra tra i popoli! Nessuna pace tra le classi!

Non dobbiamo farci ingannare dalla guerra di propaganda condotta da entrambe le parti del conflitto. Non facciamoci prendere dal loro gioco del “chi ha cominciato” o di quale parte è la colpa del conflitto attuale! Dobbiamo partire dagli interessi della classe operaia in tutti i paesi. Dietro entrambe le parti ci sono aspirazioni imperialiste reazionarie che si sono alimentate a vicenda fino all’escalation.

Dal crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, l’imperialismo statunitense e i suoi alleati europei della NATO hanno invaso l’ex sfera d’influenza russa. Il movimento Euromaidan del 2014 è stato innescato dall’imperialismo tedesco e statunitense. Ha portato al rovesciamento del governo ucraino e alla sua sostituzione con un regime sostenuto dall’Occidente, che da allora alimenta un nazionalismo reazionario anti-russo. Ogni volta che l’imperialismo occidentale agisce in modo aggressivo, sposta la colpa su un capro espiatorio e si presenta come una forza di “pace e democrazia”. Si lascia dietro una scia incredibilmente sanguinosa: che sia in Jugoslavia, in Afghanistan o ai confini della Fortezza europea. Putin e la sua oligarchia, d’altra parte, non sono certo gli alleati della classe operaia, né in Russia né altrove. L’invasione dell’Ucraina è semplicemente una continuazione dell’agenda reazionaria di Putin. Questo non è un conflitto tra un Occidente “democratico” e un Putin “dittatoriale”, ma una lotta tra due potenze imperialiste per la loro sfera di influenza.

Non c’è nulla di progressista in nessuno degli attori capitalisti in questi eventi drammatici. Questo vale tanto per gli Stati Uniti e gli imperialisti occidentali quanto per il regime di Putin o i nazionalisti ucraini sostenuti dall’Occidente e il governo Zelenski. Coloro che soffrono per le guerre, l’insicurezza, lo sfruttamento, lo sciovinismo e le divisioni di classe sono sempre la classe operaia e gli oppressi dei diversi paesi. La classe operaia mondiale non ha nulla da guadagnare e può solo perdere sostenendo l’una o l’altra parte in questo terribile conflitto.

Questo significa quindi che la “neutralità” della Svizzera è corretta? Certamente no! La neutralità svizzera è un mezzo con cui il capitale svizzero difende i propri interessi di profitto sulla scena internazionale. La prima reazione del Consiglio federale e dei partiti borghesi è stata quella di non associarsi completamente alle sanzioni UE e USA in nome della neutralità. La Svizzera dovrebbe invece offrire i suoi “buoni uffici” come mediatore tra le parti in conflitto. Pura ipocrisia! I capitalisti e il loro governo non sono interessati al destino di coloro che soffrono per la guerra. Sono interessati solo a buoni affari – con entrambe le parti del conflitto. Circa l’80% del commercio di materie prime russe passa attraverso i centri di servizi finanziari svizzeri di Ginevra, Zugo, Lugano e Zurigo. La borghesia vuole difendere gli interessi della piazza finanziaria con la scusa della neutralità. D’altra parte, fa allegramente affari negli Stati Uniti, nell’UE e naturalmente anche in Ucraina, dove i capitalisti svizzeri hanno approfittato con gratitudine dell’opportunità di fare affari sotto il governo reazionario di Maidan dal 2014 in poi. Negli ultimi anni, la Svizzera è diventata il quarto più grande investitore in Ucraina. Questo è il significato della neutralità: si tratta del modo in cui l’imperialismo svizzero difende tradizionalmente i suoi interessi a livello internazionale. Egli si equilibra tra i grandi blocchi e aumenta così la sua ricchezza sfruttando al massimo la classe operaia mondiale. La neutralità non è parte della soluzione, è parte integrante di questo barbaro sistema capitalista che genera queste guerre. Difendere la neutralità svizzera è difendere l’imperialismo parassitario svizzero. Il capitale svizzero non ha interessi comuni con la classe operaia ucraina o russa. E la classe operaia svizzera non ha alcun interesse comune con il capitale svizzero e il suo governo!

Pochi giorni dopo l’invasione russa, il Consiglio Federale ha ceduto sotto la forte pressione internazionale dell’imperialismo occidentale. Il 28 febbraio ha dichiarato il suo pieno sostegno alle sanzioni dell’UE. Più che altro, questo ci mostra la crisi del capitalismo svizzero e il relativo indebolimento della sua posizione nel capitalismo mondiale.

Se la neutralità è sbagliata, dovremmo accogliere l’adozione di sanzioni contro la Russia? 

Certamente no! Capiamo tutte le persone oneste che, sinceramente indignate per la bruttezza dell’attacco del governo Putin, desiderano fare qualcosa al riguardo. Ma chiedere al governo borghese sanzioni contro una delle parti capitaliste del conflitto non significa altro che schierarsi con l’altra parte imperialista del conflitto: gli USA, l’UE e la NATO e il governo reazionario nazionalista dell’Ucraina. Basta vedere gli applausi di Joe Biden o la reazione euforica alle sanzioni svizzere nei principali media borghesi occidentali per capirlo.

Il fatto che le richieste di sanzioni siano state fatte fin dall’inizio nelle file della sinistra tradizionale, e in particolare del PS, è uno scandalo! Le sanzioni non sono un mezzo per porre fine alla guerra. Le sanzioni sono una delle armi della classe dirigente occidentale in questa guerra. Adottando le sanzioni, il Consiglio federale sostiene la cinica politica occidentale che è pronta a sacrificare migliaia di lavoratori ucraini sul campo di battaglia di una guerra per procura tra gli Stati uniti/l’Europa e la Russia. I paesi occidentali non stanno cercando di porre fine alla guerra per fermare la sofferenza della popolazione civile in Ucraina, tutte le loro azioni negli ultimi anni lo dimostrano! La loro unica preoccupazione è quella di non perdere l’Ucraina dalla loro zona di influenza. Per questo hanno rischiato la guerra in passato e hanno partecipato alla sua provocazione. E per questo sono ora pronti a fomentare il conflitto e a prolungare la guerra con sanzioni, forniture di armi e sciovinismo anti-russo.

Nessuna quantità di sanzioni o di parole diplomatiche dei leader può fermare la guerra. Le sanzioni, per quanto “mirate” pretendano di essere, in ogni caso colpiscono prima le condizioni di vita della classe operaia russa, ben prima degli oligarchi e di Putin. Come può questo aiutare la classe operaia russa a combattere il suo stesso governo?

La guerra sta mettendo alla prova tutte le organizzazioni di sinistra – e la maggior parte di esse hanno tragicamente fallito, anche in Svizzera. Sono al fianco degli imperialismi dell’Unione Europea e degli Stati Uniti: la forza più reazionaria del mondo. Non dobbiamo sostenere nessuno di questi due campi imperialisti!

Noi marxisti non siamo neutrali in questo conflitto e non ci schieriamo con l’imperialismo. C’è solo un modo per prendere posizione contro l’attacco russo senza schierarsi con il capitale occidentale: dobbiamo assumere una coerente posizione di classe internazionalista. I compagni della Tendenza Marxista Internazionale stanno lottando in tutti i paesi contro ogni sciovinismo e per l’unità internazionale della classe operaia. Noi parliamo per un interesse – l’interesse comune della classe operaia di tutte le nazioni. Cosa significa questo in termini concreti?

È compito della classe operaia in Russia rovesciare il regime di Putin. È compito della classe operaia internazionale porre fine alla guerra. Per fare questo, la classe operaia deve prima lottare ovunque contro la classe dominante nel proprio paese e contro la sua politica cinica e guerrafondaia. Il nemico principale è nel suo stesso paese! È il compito della classe operaia in Ucraina di opporsi alla propria oligarchia capitalista bugiarda, che ha imprigionato il paese in una guerra civile per anni. E’ nostro dovere in Svizzera organizzarci e lottare contro gli interessi di profitto dei trust, della loro centrale finanziaria parassitaria e contro il governo che difende questi trust.

Questi conflitti armati sono il risultato di un capitalismo in crisi, dove le tensioni tra i diversi blocchi sono esacerbate. Sotto il capitalismo, non ci sarà una soluzione duratura alla crisi ucraina. E ci saranno sempre guerre. L’unica via realistica è il rovesciamento del capitalismo. Per questo dobbiamo organizzarci! Questo è il contributo più importante che possiamo dare contro la guerra. Scrivici se vuoi unirti a questa lotta!

  • Abbasso i guerrafondai e i profittatori!
  • Per l’espropriazione dei conti bancari di tutti gli oligarchi americani, ucraini e russi e la restituzione dei fondi alle organizzazioni dei lavoratori dei paesi interessati!
  • Per l’unità dei lavoratori e delle lavoratrici di tutte le nazioni!
  • Viva la solidarietà internazionale! Nessuna guerra tra i popoli! Nessuna pace tra le classi!
Print Friendly, PDF & Email